Contenuto principale

IMG 6065Il 30 maggio 2017 alle ore 16.00 ha avuto luogo, presso il Municipio II di Bari, la presentazione dei lavori realizzati durante le attività di laboratorio del progetto "Cyberbullismo?!? No, grazie!!!" che si inserisce tra le  varie iniziative di prevenzione rivolte al territorio, promosse dalla nostra municipalità.
Erano presenti all'incontro il dott.Giuseppe Rella, Consigliere del Municipio II, il  dott.Nicola Damiani, Presidente della Commissione per i servizi sociali del Municipio II, il dott.Michele Corriero, Presidente provinciale dell’Unicef e Giudice Onorario del Tribunale per i Minori di Bari, i referenti della cooperativa sociale CREA e le scuole della rete.
Il progetto ha mirato alla sensibilizzazione di adulti e minori al  fenomeno del cyberbullismo ma, soprattutto, all'educazione dell'uso sano e consapevole del web attraverso la creazione e diffusione di buone pratiche per rinforzare le capacità di difesa dei minori.
Il nostro Istituto, accogliendo la ferma volontà della Dirigente scolastica prof.ssa Antonietta Scurani di promuovere la partecipazione attiva al progetto  ritenuto di grande valenza educativa per l'ampiezza degli attori coinvolti, studenti, docenti, genitori,  ha  aderito con entusiasmo a questa iniziativa, e si è a tal fine fortemente impegnato nella realizzazione di  numerose azioni formative e performative rivolte alla prevenzione del cyberbullismo.

Durante l'intero anno scolastico, gli alunni di una classe seconda e di una terza, con i loro docenti e genitori, hanno  condiviso l'esperienza di questo percorso "in-formativo", che si é snodato attraverso seminari tenuti da esperti del settore informatico e psicologi, laboratori sulle emozioni ed appuntamenti pomeridiani presso il Municipio II per la realizzazione di un vademecum.
Come al termine di un lungo viaggio si condividono impressioni e ricordi, così una nostra alunna di terza, introducendo i lavori realizzati dai suoi compagni, ha raccontato agli intervenuti: "Questa esperienza, oltre a renderci consapevoli del fenomeno del cyberbullismo, ci ha emotivamente coinvolti ma anche tanto divertiti".
Durante questi incontri, che hanno visto i ragazzi protagonisti di giochi di ruolo, interviste e anche di momenti di profonda emozione, sono stati prodotti i lavori  che  in questa giornata festosamente troneggiavano sospesi tutt'intorno alla Sala consiliare del Municipio. La ragazza ha continuato il suo intervento: "Fra riflessioni serie e qualche risata con il "Piccolo aiutante di Babbo Natale", nomignolo affettuosamente attribuito al nostro tutor Claudio, abbiamo realizzato cartelloni per dare voce a chi non riesce a denunciare, presentazioni multimediali per dare consigli a chi non sa come evitare il cyberbullismo”.
A conclusione della presentazione della nostra scuola, un’alunna  di seconda ha interpretato, avvalendosi di un sapiente gioco di ventagli dietro cui si celerebbero i volti anonimi delle vittime del cyberbullismo, la sua poesia "Il disastro che sono" che esprime la sofferenza arrecata da questo virus del terzo millennio alla generazione “social”.